Ci sono mille modi tragicomici per reagire alla fine di una storia d'amore: costruire una bambolina voodoo con la faccia del proprio ex, gettarsi in un barile di gelato al cioccolato, oppure immergersi in maratone intensive di film di Hugh Grant...
In realtà esistono infinite soluzioni per provare a buttarsi il passato alle spalle, alcune più efficienti, altre decisamente inutili ed iper caloriche.
Catherine Meisenburg, giovane ventiquattrenne americana (Iowa) ci dimostra come non esista un limite alla creatività e reagisce alla fine del suo matrimonio con un insolito servizio fotografico.
Fidanzata da sette anni con il padre dei suoi tre bambini, Catherine si accorge delle numerose bugie del neo marito e con tanta rabbia e disillusione tenta di riprendere in mano la sua vita, chiedendo il divorzio.
La giovane biondissima “celebra” la fine del suo matrimonio esattamente come fece all'inizio: con un servizio fotografico; ma stavolta gli scatti sono differenti e anziché immortalarla in pose romantiche e fiabesche, la vedono distruggere ogni ricordo che la lega al suo ex marito e a quel “maledetto giorno”.


La raccolta delle immagini, scattate dalla fotografa Angela Josephine, ritraggono Catherine mentre si sveste (tecnicamente e metaforicamente) del pudico abito bianco per iniziare una nuova vita fatta di stivali neri e corpetto in pelle.
In un'immagine distrugge la torta nuziale - sulla quale si legge il suo cognome da sposata - con una mazza da baseball ed assaggia la panna rimasta sul legno come se stesse degustando il sapore della vendetta.


 

In un'altra foto, la si vede con un coltello nell'intento di squarciare l'abito bianco; o ancora, viene ritratta mentre abbandona il bouquet o mentre brucia la foto di loro due insieme.
Ogni scena è condita con una buona dose di sensualità mista ad un patetico sentimento di revenge femminile che sembra voler urlare: “guarda che bel bocconcino ti sei perso, str***o!”




Catherine non è l'unica ad aver racchiuso tutto il suo rancore all'interno di un servizio fotografico: da qualche anno questa pratica sta prendendo piede negli Stati Uniti, da sempre il paese degli eccessi.
La giovane mamma è diventata famosissima su Facebook grazie alle foto postate nella like page della fotografa (che in pochissimo tempo è passata da qualche centinaio a più di 20 mila like).
Il popolo del web come sempre si è diviso e c'è chi ritiene coraggiosa e stimabile la scelta grintosa di Catherine e chi, invece, trova patetico e irrispettoso l'atteggiamento ironico nei confronti di un'istituzione sacra quale il matrimonio.
Io penso solo che sia tutto così meravigliosamente trash!

loading...
Tuesday, 06 December 2016
Back to Top