Quanto tempo spendiamo seduti sul sedile di un mezzo pubblico? Io tanto, troppo.
E durante quell’interminabile tragitto, immersa nella mia musica e nell’aroma di cipolla circostante, non posso fare a meno di osservare ciò che mi circonda: le persone, la strada fuori dal finestrino e gli interni fatiscenti dell’autobus di turno.
Si sa, è raro poter provare il lusso di viaggiare su un mezzo nuovo, scintillante e pulito, la maggior parte degli autobus conserva una vena vintage per via del deterioramento e delle assurde tappezzerie interne.
Ma cosa succederebbe se proprio quelle “assurde tappezzerie interne” diventassero la stoffa di un vestito classico?
Menja Stevenson ha la risposta: la giovane tedesca, col suo progetto Bustour, ha dato una seconda vita ai tessuti dei mezzi di trasporto tedeschi creando una vera e propria collezione di abiti improbabili.




Dopo una lunga fase di contrattazione e persuasione, Menja è riuscita ad ottenere le materie prime da alcune agenzie di trasporto tedesche e con grande impegno e dedizione ha cucito uno per uno i pezzi di stoffa, rischiando di rompere molti aghi a causa della forte resistenza dei materiali.
Ha creato pezzi unici: twin set, gonne e giacche e si è lasciata fotografare mentre si mimetizzava con gli interni dell’autobus di turno.
Di fronte agli occhi increduli della gente e gli sguardi dubbiosi dei compagni di viaggio ha posato all’interno dei mezzi di trasporto, indossando le sue creazioni che definisce: calde, fastidiose, fatiscenti.




Ebbene si, il progetto di moda urbana della giovane ragazza tedesca, che prevede anche una collezione fotografica del suo operato, non aveva di certo l’intento di lanciare nuove tendenze fashion, ma anzi mirava a spostare l’attenzione sulle condizioni in cui versano gli interni dei mezzi di trasporto odierni, che non si rinnovano quasi mai.
Coperta da abiti in lana moquette (ignifuga, resistente e più dura del diamante), Menja ha sfilato di capolinea in capolinea suscitando stupore, sorrisini e tanto sgomento!

loading...
Thursday, 08 December 2016
Back to Top