Tutti almeno una volta abbiamo sentito parlare degli straordinari "capsule” hotel del Giappone. I mitici Hotel che al posto delle stanza hanno delle micro capsule, ovvero dei blocchi modulari di circa 2 m di lunghezza per 1 m di larghezza completamente attrezzati e autosufficienti. I giapponesi sono ben noti per fare un uso intelligente dei piccoli spazi, una necessità indotta dall’alta densità di popolazione.  
Il fotografo Won Kim ha realizzato una serie di scatti dal titolo Enclosed: Living Small dove racconta  la vita e gli spazi dei residenti di una nota pensione per backpackers di Tokyo.

Won Kim si è imbattuto nell'hotel durante un viaggio in giappone e  2 anni più tardi è tornato per fotografarlo. Qui Kim ha vissuto per diversi mesi, tra amicizie ed esperienze con residenti ha stretto amicizia con loro e solo in seguito ha fotografato i loro alloggi per scoprire intimamente quello che loro definiscono casa. L'intero hotel è situato su un unico piano di un edificio per uffici nella zona nord-est di Tokyo. Alcuni dei residenti sono visitatori a breve termine, alcuni sono lavoratori in attesa di occupazione che soggiornano qui il tempo necessario per trovare una sistemazione migliore,  mentre altri sono residenti essenzialmente permanenti che non disdegnono affatto i piccoli spazi, anzi li trovano confortevoli e non limitanti. Qui non si dorme una notte e via, qui si vive, tra buste, libri, pc, avanzi di cibo e biancheria sporca.

Won Kim è un fotografo con sede a Brooklyn e non è la prima volta che il suo lavoro esplora spazi nascosti e forme architettoniche non banali. In questo caso il vero interesse non sta nell’architettura quanto nel contenuto: il  modo in cui ognuno di queste persone ha gestito il piccolo spazio che aveva a disposizione ci dice molto su di loro.

loading...
Saturday, 10 December 2016
Back to Top