La terra, i suoi Paesi e le infinte meraviglie che offre sono, almeno in teoria, patrimonio di tutti e rappresentano la cosa più bella che questa vita ci possa donare.
Ogni panorama, da un maestoso tramonto sul mare ad un piccolo scorcio di un paesino di montagna, ci appartiene ed è nostro diritto goderne con stupore e curiosità. Ma non tutti osserviamo ciò che ci circonda nello stesso modo, non tutti siamo in grado di personalizzare un paesaggio rendendolo ancora più unico, ancora più nostro.
Un campione in questo è Nicolas Rivals, fotografo francese che possiede un dono naturale inestimabile: quello di osservare e trasformare la realtà secondo la sua personale prospettiva.
Utilizza la fotografia per la potenzialità espressiva e per la capacità narrativa che contraddistingue tale arte.
La sua collezione “La Línea Roja” racconta di paesaggi nascosti lungo la costa spagnola, angoli segreti incontaminati in cui la natura è la padrona di casa e l’uomo può solamente contemplarla con rispetto e adulazione.




Gli scatti raffigurano coste frastagliate, collinette innevate, oasi naturali immortalate nel momento più calmo: la notte. Un elemento dirompente, però, ne disturba la quiete e rende tutto surreale.
Nicolas interpone tra la naturalità della scena e il click della macchina fotografica un neon, una grande e definita linea rossa che rompe gli schemi invadendo l’oscurità notturna con una forte luce rossa.





Le installazioni, create dell’artista francese, trovano posto tra le insenature delle rocce e la corteccia degli alberi ed interagiscono con l’ambiente circostante. Gli scatti, frutto di una lunga tecnica di esposizione, rappresentano l’unione tra artificiale e naturale, tra “omaggio e sacrilegio” e celebrano il connubio tra la geometria simmetrica ed il fiabesco paesaggio spagnolo.
Il concetto è impressionante, il risultato è minimal ma conserva un grande impatto visivo ed emozionale; Nicolas dà vita ad un’architettura propria, prende un angolo di meraviglia terrestre e lo rimodella secondo le proprie intuizioni creando opere impressionanti.

loading...
Sunday, 30 April 2017
Back to Top