Se pensiamo alla parola intrecciare vengono in mente diversi oggetti che siamo soliti unire tra loro: intrecciare i capelli, intrecciare dei cavi, intrecciare le dita.
Si posso intrecciare più storie in un'unica trama di un film o di un libro.
Ben Hopper, artista, fotografo e videomaker londinese, intreccia corpi umani.
Ha realizzato la serie fotografica Transfiguration dove ballerini ed artisti circensi (grazie alla loro fisicità e doti atletiche) si intrecciano tra loro in modo armonioso, leggiadro e a volte animalesco.
Incastri, contorsioni, nodi. Corpi umani che perdono la loro originaria forma e i propri confini per creare nuovi universi tribali e primordiali.
Il risultato di ogni fotografia è una vera e propria scultura astratta: i corpi sono ricoperti di vernice e polvere, che confondono e mischiano le identità dei protagonisti, creando opere d'arte dal forte impatto visivo. L'impressione è quella di trovarsi davanti vere e proprie statue viventi.

loading...
Tuesday, 06 December 2016
Back to Top