Beth Moon è una fotografa americana che ha cominciato a fotografare alberi antichi mentre viveva in Inghilterra. In quattordici anni di intenso lavoro è passata a fotografare sequoie, pini, alberi di Giosué sulla costa ovest degli Stati Uniti e molti altri tipi di alberi in Sudafrica, Madagascar, Yemen e Israele. Beth Moon ha girato il mondo cercando di "catturare" alberi di ogni tipo, quelli più antichi o con una storia importante sono diventati un libro dal titolo Ancient Trees: Portraits of Time
In questa serie rientrano gli alberi dalle grandi radici che avvolgono gli antichi templi cambogiani di Angkor Wat o i baobabs del Madagascar.



The criteria I use for choosing particular trees are basically three: age, immense size or notable history. I research the locations by a number of methods; history books, botanical books, tree registers, newspaper articles and information from friends and travelers.


Per Beth Moon, ogni pianta è carica di sensibilità poetica. Nelle piante carnivore ad esempio si annida una bellezza sinistra: l'evoluzione ha insegnato a queste piante come sfruttare al meglio le condizioni in cui crescono fino a portarle ad attirare le prede con un profumo inebriante, per poi cattur, gli insetti ricchi di proteine ​​e nutrirsene. A queste piante così astute Beth Moon ha dedicato la serie THE SAVAGE GARDEN.

I cannot imagine a better way to commemorate the lives of the world’s most dramatic trees, many which are in danger of destruction, than by exhibiting their portraits.



Nelle sue foto gli alberi acquistano un significato simbolico: diventano monumenti viventi per celebrare la vita.

Per maggiori info vi invito a visitare il suo sito

Monday, 25 September 2017
Back to Top