I tempi corrono, le tecnologie evolvono e le abitudini cambiano. È giusto guardare avanti e crescere, ma molto spesso si cade nell’errore di dimenticare le proprie origini.
La fotografa Ula Kóska, al contrario, ha molto a cuore il passato con i suoi usi e costumi e celebra nella serie "Ethnic Bride" la cultura popolare della sua terra madre, la Polonia. L’artista fa un omaggio alle tradizioni che la caratterizzano, dedicando particolare attenzione alla cerimonia del matrimonio e alle spose.



Giovani donne vestite di colori luminosi, accessori di perle e corone di fiori vengono ritratte dalla fotografa come modelle glamour. Le linee degli abiti, i tessuti, i copricapo e l’ispirazione del make up, realizzato da Beata Bojda ci riportano a tempi lontani, dove il folklore era parte della vita quotidiana.
Collane e accessori di perle sono originali e arrivano da tutto il mondo mentre i copricapo di fiori di carta sono state realizzate a mano  da Beata secondo il metodo tradizionale che risale agli inizi del 20 ° secolo. I fiori sono elementi ricorrenti nella serie dell’artista e nella cultura polacca dove venivano indossati dalle donne durante le cerimonie laiche e religiose, utilizzati per decorare le cornici ritratti di santi e regalati come omaggio.



Ethnic Bride in collaborazione con Beata Bojda rivisita il passato e le tradizioni con uno stile moderno giocando con i codici della cultura tradizionale. Le inquadrature e i colori vivaci sono tipici dei servizi di moda e delle riviste più cool, mentre la storia che viene raccontata è antica e si ispira alle usanze del popolo polacco.





L’unione tra passato e presente, moda e tradizione è resa con stile ed eleganza, il lavoro di Ethnic Bride e Beata Bojda ci porta lontano nel tempo e nello spazio rendendo la serie ipnotica ed affascinante.





Per ulteriori informazioni e per rimanere aggiornati con i progetti dell’artista vi segnaliamo il sito web di Ula Kóska, la sua pagina Facebook e il portfolio su behance 

loading...
Saturday, 10 December 2016
Back to Top