Non sempre l’intento di passare inosservati corrisponde ad un personale atteggiamento di discrezione: il non dar nell’occhio può essere una decisione, una sorta di sussurro potente con cui si afferma il proprio punto di vista.
Ebbene tale concetto è esaustivamente espresso nelle opere di Cecilia Paredes, artista peruviana che ha fatto della mimesi la sua più grande espressione d’arte.
Dall’unione della passione per la pittura e per la fotografia Cecilia, classe 50, è diventata celebre in tutto il globo per i suoi scatti enigmatici che la vedono fondersi con lo sfondo di riferimento, creando una percezione magica che confonde lo spettatore.  
Che si tratti di uno pseudonimo o che sia il suo vero cognome, il sostantivo “Paredes” nella lingua spagnola indica (come si può immaginare) le pareti, le mura…insomma richiama inequivocabilmente il fulcro dell’attività dell’artista: l’utilizzo di uno sfondo particolare con cui interagisce per dar vita ai suoi scatti.
Da sempre amante dell’arte, della pittura e della fotografia, Cecilia combina le sue passioni in una collezione di immagini che vedono il suo corpo nudo mimetizzarsi con un background dalle fantasie più stravaganti.
Dopo aver dedicato tempo alla decorazione dello scenario perfetto, l’artista si immerge nei colori ed inizia a dipingere il proprio corpo, rispettando fedelmente i motivi dello sfondo su cui andrà a posare prima del click.
Il risultato è un’illusione ottica meravigliosa, un inganno artistico che la vede letteralmente inglobata nell’ambiente che la circonda, il più delle volte caratterizzato da fantasie floreali, animali fantastici e figure che richiamano gli elementi della natura.
Le forme sono ben definite, i colori vivaci ed i toni si combinano armonicamente per dar vita ad un’immagine sensuale ed accattivante.
Il corpo dell’artista “modella” sembra scomparire con l’intento di rifugiarsi ogni volta in uno spazio diverso, tuffandosi in ambienti sempre nuovi.

La metafora racchiusa all’interno delle performance fotografiche di Cecilia è quella del legame uomo-natura: un legame che persiste nel tempo e che supera ogni turbamento o cambiamento; una connessione che aiuta l’essere vivente a ritrovare la propria identità, quella pura ed incontaminata dai vizi odierni.
La camaleontica artista supera i confini della materialità corporea per fondersi con un ambiente trascendentale, per raccontarci di quanto sia indispensabile avere un contatto forte il contesto in cui si è immersi.
Cecilia Paredes permette anche a noi di immergerci nelle sue creazioni e con scatti sensuali e pregni di significato, ci illustra il suo mondo a suon di colori e fantasia.

Friday, 15 December 2017
Back to Top