Come sarebbe un film porno senza scene di sesso? Il fotografo Adriaan Van Der Ploeg ha risposto così in un aintervista: "Ho notato che in un sacco di film porno i registi provano a costruire una storia. Ma spesso il risultato non è granché: sembrano storie inventate all'ultimo secondo, improvvisate. Quasi divertenti, no?". Adriaan Van Der Ploeg è un fotografo olandese dal tocco piuttosto coraggioso. Non a caso, nella presentazione personale sul suo sito ha incluso una foto che lo ritrae - capelli lunghi sciolti - in posa pin-up con addosso una camicia leopardata. Nella sua carriera ha pubblicato due libri: uno sul ciclismo e uno sulla pornografia: il secondo è andato a ruba, racconta, mentre le copie rimaste del primo le ha usate per isolare i muri.

Ultimamente ha catturato l'attenzione dei media con un progetto sulle scene senza sesso dei film porno, pubblicato sul magazine di fotografia Useful Photography. Adriaan ha raccontato ad HuffPost come è nata l'idea: "Non volevo trasmettere alcun messaggio, volevo solo condividere un'osservazione. Buona parte della pornografia è pensata per gli uomini e agli uomini non interessa la trama. Così ho iniziato a collezionare le parti dei filmini hard che tutti saltano e ho scoperto che, se viste l'una dopo l'altra senza il contesto originale, non si vedono altro che brutte scenografie, recitazione di scarsa qualità e momenti provocanti abbozzati".

Molti lo invidieranno: una persona che per lavoro passa un sacco di tempo a scorrere film porno deve divertirsi un sacco. "Ma la ricerca delle immagini giuste è stata, al contrario, piuttosto deprimente, piega Adriaan, guardare porno un pomeriggio intero non è uno spasso come potrebbe sembrare". Sarà perché non è esattamente il suo campo: è la prima volta che presenta un progetto fotografico da curatore, con scatti non suoi. Di solito preferisce fotografare soggetti "che sono alla ricerca di qualcosa": uomini in piena crisi di mezza età che scelgono di fare il giro delle Alpi francesi in bici, per esempio, giovani che passano il tempo a giocare ai videogiochi oppure le partecipanti di America's Next Top Model.

Eppure questo progetto con l'agenzia creativa Kesselskramer è andato alla grande... "Già, è vero che "il sesso vende"", conferma il fotografo. Ecco nella gallery alcune delle immagini scelte e pubblicate:

Via Huffingtonpost

loading...
Monday, 05 December 2016
Back to Top