Il fotografo Mitch Dobrowner viaggia in un lungo e in largo per gli Stati Uniti alla ricerca di tempeste apocalittiche che si innalzano sopra i campi rurali in Oklahoma, Kansas e North Dakota. Ispirato da fotografi come Minor White e Ansel Adams, cattura paesaggi mozzafiato; le pianure infinite degli stati del sud e del Midwest con formazioni atmosferiche da fine del Mondo. Le immagini in bianco e nero di Dobrowner sono penetranti e drammatiche. Una ricerca e una sfida se pur rispettosa a Madre Natura, documentano tutta la potenza, la calma apparente e la violenza che si scatenano dal cielo. [...]

Ogni volta che ci troviamo ad apprezzare o semplicemente ad osservare un’opera d’arte dovremmo soffermarci a pensare a ciò che c’è dietro, a tutto il behinde the scenes che vi si cela. All’interno di una scultura, di un quadro o di una fotografia c’è sempre un pezzo d’artista: tra quelle forme e quei colori si nasconde il suo tempo, l’impegno speso e due o tre etti di anima. Attraverso l’arte entriamo in punta di piedi nella vita dell’autore e, attraversando le sue emozioni, diventiamo quasi complici. Joanne Leah si presenta con la fotografia, si racconta tramite scatti in[...]

Beth Moon è una fotografa americana che ha cominciato a fotografare alberi antichi mentre viveva in Inghilterra. In quattordici anni di intenso lavoro è passata a fotografare sequoie, pini, alberi di Giosué sulla costa ovest degli Stati Uniti e molti altri tipi di alberi in Sudafrica, Madagascar, Yemen e Israele. Beth Moon ha girato il mondo cercando di "catturare" alberi di ogni tipo, quelli più antichi o con una storia importante sono diventati un libro dal titolo Ancient Trees: Portraits of Time.  In questa serie rientrano gli alberi dalle grandi radici che avvolgono gli anti[...]

Queer è un termine della lingua inglese che tradizionalmente significava "eccentrico", tuttavia in italiano "Queer" è più che altro un termine politico, usato per definire soggetti sessualmente, etnicamente o socialmente ambigui, riluttanti alla definizione di normalità codificata dalla cultura egemone.Partiamo da questa definizione per descrivere il lavoro artistico di Arvida Byström proprio perché la sua estetica è difficilmente codificabile: è eccentrica, ambivalente, elusiva, criptica ed enigmatica. Arvida ha 26 anni, fa la fotografa, la modella e la musicista e[...]

La terra, i suoi Paesi e le infinte meraviglie che offre sono, almeno in teoria, patrimonio di tutti e rappresentano la cosa più bella che questa vita ci possa donare. Ogni panorama, da un maestoso tramonto sul mare ad un piccolo scorcio di un paesino di montagna, ci appartiene ed è nostro diritto goderne con stupore e curiosità. Ma non tutti osserviamo ciò che ci circonda nello stesso modo, non tutti siamo in grado di personalizzare un paesaggio rendendolo ancora più unico, ancora più nostro. Un campione in questo è Nicolas Rivals, fotografo francese che possiede un dono naturale inest[...]

La fotografa e visual artist Flora Borsi di cui abbiamo già ampiamente parlato, inizia il 2017 con una nuova serie di autoritratti in bianco e nero dal gusto noir, carichi come sempre di emozioni, empatia e sogni.La Flora Borsi dell'anno nuovo accetta se stessa, il mondo in cui appare e come il suo corpo sta cambiando negli anni e sul suo account Instagram presenta la sua nuova serie dal titolo INSOMNIA con un post dai toni fortemente motivazionali e positivi.@floraborsiofficial fuck haters. I accept myself, the way I look, how my body has changed over years. I'm finally OK with myself. I don[...]

Annique Delphine è un'artista multi disciplinare di Berlino che lavora nel campo della fotografia, della video arte e delle installazioni.  Il suo lavoro esplora temi come il femminismo, la sessualità e l'identità di genere.Nei suoi ultimi lavori dal titolo Objectify Me, un progetto tutt'ora in corso,  Annique approfondisce ed estrinseca quella frustrante sensazione che prova ogni volta che pensa al valore sproporzionato che oggigiorno viene dato all'essere esteticamente piacevoli. We are conditioned from an early age that what’s most important about us is the way we look and the way o[...]

Sandy Skoglund è un'artista americana che realizza installazioni ambientali che poi fotografa. Utilizzando oggetti quotidiani, piccole sculture e materiali da lei disegnati e fabbricati, crea dimensioni surreali ed opprimenti in cui convivono oggetti, uomini e animali. Ogni installazione viene costruita con tecniche diverse ed è dotata di significato autonomo e data la complessità di ogni singola scena, Sandy Skoglund produce circa un'immagine all'anno.Il suo primo lavoro noto è Radioactive Cats del 1980, una stanza monocolore grigia abitata da due anziani e da una grande quantità di gatt[...]

Quando si parla di creatività è facile storcere il naso. Sembra sempre più spesso che il mondo utilizzi questo attributo in termini autoreferenziali e poco chiari: molti si definiscono tali senza apparenti ragioni tangibili, altri ignorano i confini e il campo d’azione di questo aggettivo così imponente ma azzardato. Si può essere creativi a lavoro, in cucina, lo si può essere nell’arte, nella musica o semplicemente adottando un comportamento rivoluzionario nei confronti di schemi tradizionali. Beh, secondo il mio modesto parere la creatività è un atteggiamento, è la capacità di [...]

Olivia Alonso Gough è una fotografa e una performance artist che si ritrae spesso mentre piange e il trucco le cola sul volto, mentre guarda nel vuoto con lo sguardo assente o fa ridicole smorfie. Di solito in foto, tutti cerchiamo di sorridere e mostrare il meglio di noi stessi, al contrario Olivia vuole celebrare la "cultura della bambina triste", che senza vergogna mostra la propria emotività. Piangere in pubblico è un tabù, chi piange si nasconde spesso sotto un cappuccio, dietro un fazzoletto o grandi occhiali da sole, Olivia invece ne fa un vanto, una forma moderna di liber[...]
Avanti
Sunday, 19 February 2017
Back to Top