Su Instagram si contano più di 800 milioni di utenti attivi al mese e vengono pubblicate più di 3500 foto al secondo. I contenuti presenti nel social network più esibizionista del momento sono infiniti, basti pensare che proprio mentre stai leggendo queste righe, qualcuno sta continuando ad uploadare foto. Nell’immenso oceano in cui navigano selfie, fashion influencer, panorami, cibo, brand, chi più ne ha più ne metta, è facile esprimersi ma è più difficile farsi notare.
Il profilo di @tomgalle, creativo nella vita e nel lavoro, rientra tra quelli che non passano inosservati, catturando l’attenzione ed il follow di più di 24 mila utenti.
L’artista belga d’origine e newyorkese d’adozione, realizza opere d’arte sui generis, spesso ambientate nel mondo della tecnologia e tutte incentrare su un’aspra critica sociale.
Nei lavori di Tom emerge il disappunto verso una cultura sempre più soggetta alle regole del capitalismo, dei grandi brand e della sopraffazione della vita virtuale rispetto a quella reale.




Quanto è forte l’impatto di internet nella nostra quotidianità? Questa è la domanda a cui risponde con le sue opere, utilizzando il corpo e la mente umana come mezzo artistico.
Nella serie Corp Gear, Tom trasforma celebri loghi in armi: gli emblematici archi dorati di Mc Donald’s diventano un tirapugni, la F di Facebook un piede di porco, il “baffo” di Nike una lama pungente ed il logo della Mercedes diventa una stellina ninja.
Giocando tra blasfemia, provocazione e cruda realtà, utilizza gli strumenti del futuro per condannare i costumi del presente: nella serie Tinder VR, ad esempio, l’artista riprende i soggetti in strada mentre selezionano o scartano possibili flirt su Tinder, il tutto attraverso l’oculus rift.
Scompone tastiere del computer e cosparge il corpo umano di tasti, da un cavolfiore e un’anguria ricava cover per telefoni, crea selfie stick a portata di Mac e trasforma un crocifisso in un finger spinner.
L’arte di Tom è sorprendente. Tramite strumenti di uso quotidiano e concetti semplici e indubbiamente insightfull, cattura l’osservatore con ironia e lo sconvolge fornendogli un nuovo punto di vista.




Qui trovi tantissimi altri lavori dell'artista.


Urban Contest Magazine: Arts, Culture, Lifestyle & News

Wednesday, 12 December 2018
Back to Top