Instagram, si sa, è uno dei mezzi migliori per conquistare il grande pubblico del web.
Riesce ad abbattere le distanze territoriali e offre a tutti la stessa opportunità di celebrità, basta soltanto saperla cogliere.
E c’è chi, oltre a postare foto di pietanze succulente o selfie accattivanti, preferisce utilizzare questa piattaforma per uno scopo diverso: far viaggiare la propria arte in tutto il mondo e renderla nota grazie allo strumento Re: l’hashtag.
Negli ultimi tempi sulla cresta dell’onda si sono posizionati collage e mashup, presidiando il podio delle opere più inflazionate sul social in questione. Tuttavia ogni artista ha il suo mondo, le sue tecniche e, soprattutto, il proprio significato da comunicare: unico rispetto agli altri.
Personalmente penso valga sempre la pena raccontare di qualcosa che abbia catturato la nostra attenzione e stavolta questo spazio privilegiato spetta a Ceren Bülbün.
La bellissima artista turca realizza opere d’arte eclettiche, estremamente semplici da creare ma incredibilmente peculiari da immaginare.
I suoi collage paragonano ed affiancano a parti del corpo elementi della natura che, per forme o colori, ne ricordano i tratti; l’unione uomo-natura ha sempre affascinato poeti, filosofi, pittori, ma in pochi hanno trasformato questa relazione in moderne produzioni digitali.





Ceren contrappone immagini totalmente antitetiche ma legate da un forte rapporto semantico: la dicotomia armonica che crea tra elementi naturali ed anatomia è geniale ed emozionante.
Ha affascinato più di 46 mila utenti con immagini visionarie, composte da colori e fantasie tipiche dell’universo naturale affiancate dai toni tenui delle parti del corpo umano.
Lasciandosi ispirare dalle immagini presenti sul web, l’artista compone e dà vita a rappresentazioni visionarie in cui colori cangianti e fantasie tipiche del mondo naturale si combinano con i toni tenui del corpo umano. Due scenari reali che, manipolati all’interno del mondo di Ceren, danno vita ad una scena surreale.
La collezione che ha colpito maggiormente la mia attenzione  è quella che vede come protagonisti gli occhi, con le loro forme specifiche e sfumature uniche.
L’artista li paragona a pianeti e galassie, ad un mare in burrasca; l’occhio di una giovane ragazza è una rosa fiorente mentre quello rugoso di un’anziana un fiore ormai appassito; le vene sulle palpebre si fondono con le striature di un cielo ceruleo mentre quelle all’interno dell’occhio assomigliano ad un marmo striato.





Fantasia, immaginazione e cura dei dettagli sono gli ingredienti delle opere sensazionali di questa giovane artista piena di talento.

Seguite Ceren su Instagram.

Thursday, 17 August 2017
Back to Top