Si torna a parlare di Instagram e dei profili più apprezzati dagli utenti. Stavolta la protagonista è Catherine J. Kim, una giovane artista newyorkese che domina la scena creativa del web con le sue opere originali; apprezzata da più di 36k follower, la designer ha catturato la mia attenzione per le sue illustrazioni semplici e sbalorditive allo stesso tempo.
Art director nel lavoro e nel tempo libero, la giovane posta ogni giorno immagini emblematiche che raffigurano oggetti di uso comune decontestualizzati dalla propria natura e ricollocati in un universo nuovo di significati.
Così un'anguria diventa una palla stroboscopica, una tazzina di caffè il quadrante di un orologio ed una pesca un piccolo fondoschiena che indossa dell'intimo; o ancora, il tuorlo giallo di un uovo trova il suo albume in una nuvola, un ghiacciolo tricolore si trasforma in un fantastico rossetto di Chanel e dei succulenti donuts in ruote per pattini.
Il suo soggetto preferito, come avrete intuito, è il cibo...d'altronde come darle torto!






Lo scopo dell'artista è quello di dare una nuova vita agli oggetti, combinandoli con elementi differenti per giocare con l'interpretazione ed il punto di vista degli osservatori.
Gli strumenti principali di cui si serve sono la creatività, una buona dose di umorismo e, ovviamente, i software di manipolazione per immagini, utilizzati da ogni designer che si rispetti.
Ogni sua illustrazione è caratterizzata da colori vivaci e pastello, colori che rimandano ad uno spirito pop e ad un gusto candy; gli sfondi sono rigorosamente sgargianti e monocolore affinché l'attenzione cada sui soggetti principali.




Se dovessi descrivere con una sola parola i suoi lavori, questa sarebbe sicuramente eye-catching (tradotto letteralmente: accattivante): termine anglosassone utilizzato per esprimere la potenza espressiva ed impressiva di qualcosa che cattura la nostra attenzione che, detto in parole povere, vuol dire non riuscire più a staccare gli occhi dal profilo Instagram della giovane Catherine.

loading...
Saturday, 10 December 2016
Back to Top