Venera Kazarova è una stilista che esplora materiali riciclati nei loro aspetti più effimeri. Predilige la carta e le forme "rubate dalla natura". Indossare uno dei suoi abiti è come stare dentro un fiore o essere un fiore.
E' difficile decifrare il suo lavoro perché Venera Kazarova è una performer, una designer di moda e una costumista.
Venera crea abiti per il teatro e la danza contemporanea così come oggetti di interior design per servizi fotografici.

Il suo lavoro cerca di coniugare due grandi passioni: quella per la carta e quella per i tessuti. Nelle sue creazioni vengono spesso utilizzati entrambi con l'aggiunta di utensili di plastica, polietilene e oggetti vari, meglio se vintage.
La sua ispirazione, come ho anticipato, viene dalle forme della natura ma anche dai sogni e dalle fiabe. Elementi opposti come l'aria e l'acqua, come gli uccelli e i pesci, vengono spesso "incorporati" nello stesso abito.

Ogni lavoro è un piccolo ed elaborato progetto di architettura su carta: modelli complessi, disegni onirici, forme astratte e scenografie coinvolgenti. Sono indubbiamente opere ipnotiche che elevano la carta a materiale di primo ordine.

Nella serie Paper Cut, Venera si cimenta in abiti ispirati al lavoro di Giorgio De Chirico; l'uomo diventa un manichino, un oggetto tra gli oggetti, conservando comunque tratti umani.

Il riferimento ai grandi nomi dell'arte continua anche nella serie Magritte Revisited dove la Kazarova si ispira a Magritte. Qui l'idea è quella di realizzare una serie che rielabora il mondo dell'assurdo unendo oggetti reali e scenografie ispirate all'immaginario magrittiano: porte misteriose, pesci giganteschi e uomini con il cappello.



Alcuni lavori invece sono molto più intimi e personali e nascono dalle sue esperienze di vita, come la serie Summer day, oppure dalla passione per la cultura africana, espressa al meglio nella serie Red all Over.

 

loading...
Tuesday, 06 December 2016
Back to Top