La designer tessile Nadine Goepfert non scherzava affatto quando ha chiamato la sua collezione The Garments May Vary (Gli indumenti possono variare). Secondo Nadine alcuni vestiti cambiano veramente il loro corredo genetico ogni volta che vengono indossati. Spesso cambiano in peggio, con maniche allungate, pelucchi e collo largo, ma non è questo il caso.
Ogni pezzo del progetto di Nadine Goepfert viene ricavato da un tessuto la cui forma, volume, struttura, motivo o colore si rimodella quando viene indossato.
Il suo pullover rosa di schiuma (vedi foto sotto) ha catturato la nostra attenzione più di tutti gli altri pezzi della sua collezione.
L'idea alla base della sua ricerca è quella di indagare sull'uso quotidiano dell’abbigliamento e sui movimenti associati alla persona che lo indossa: ogni movimento viene catturato e registrato all'interno dell'indumento, allo scopo di capire fino a che punto queste variabili possono modificare gli abiti e quanto questo "rimodellarsi" dipenda dal tessuto o dalle abitudini, spesso inconsce, di chi lo indossa.

Con un occhio ai dettagli e un interesse particolare per le tecniche tradizionali e l'artigianato, Nadine Goepfert sperimenta costantemente i diversi aspetti della struttura dei tessuti. La sua ricerca sugli indumenti tenta di svelare le nostre abitudini segrete in materia di abbigliamento.
Dopo il Memory Foam pullover arriva la collezione Break In continuity, una mini collezione di bizzarre sciarpe che sembrano pezzi di tappezzeria. Per Nadine le sciarpe, a differenza di altri indumenti, non avendo maniche o bottini che mimano la forma del corpo non danno nessuna indicazioni su come vadano indossate, sono semplici pezzi rettangolari da cingere sul collo e sulle spalle, lasciando l’individuo libero di indossale a piacimento e per questo motivo ci danno la possibilità di indagare sulla personalità stessa di chi le indossa, come fossero un vero e proprio test per indumenti.

 Per scoprire anche le altre meraviglie di Nadine Goepfert visitate il suo sito.

loading...
Monday, 05 December 2016
Back to Top