Claudia Oddi è figlia d'arte, viene da una famiglia di gioiellieri, e che diventasse designer di gioielli era quasi inevitabile. Claudia ha scelto una strada decisamente moderna, forte e ironica.

Oggi vi presentiamo la sua colorata, elegante e smaltata collezione Pop.

Cresciuta ed educata a Manhattan, Claudia Oddi acquisisce molto presto familiarità con le scene newyorchesi e gli esclusivi contesti artistici e culturali della scena internazionale.
Il suo talento e la sua ispirazione creativa la portano prima a Milano e poi a Firenze per studiare i segreti dell'arte orafa. Una ricerca incessante, una tecnica raffinata e il crescente desiderio di creare sono la base su cui nasce il suo sogno: quello di creare una linea tutta sua. Il suo approccio è trasversale e forte, privo di apparenze e illusioni, con questo mood ha dato vita al brand che porta il suo nome e che interpreta il lusso in chiave giovane. 

Nella sua visione, ciò che è prezioso è anche divertente e ciò che è elegante è anche moderno. Cromie sapientemente miscelate con metalli e pietre preziose, danno luogo a suggestioni che descrivono le caratteristiche del suo vivere tra due culture: quella italiana e quella statunitense.
La Pop Collection di Claudia Oddi è sicuramente quella più manifestamente americana, dove l'artista recupera il vocabolario dei comics e si esprime in chat talk, con hashtag, emoticon e indubbie reminiscenze artistiche ispirate alle opere di Roy Lichtenstein e Andy Wharol. 

I gioielli di Claudia Oddi, oltre ad essere curiosi esaltano la bellezza della donna che li indossa con un tocco unico e ricercato. I suoi lavori accolgono pienamente  questa tendenze, scegliendo tagli assolutamente attuali e sensuali: choker rigidi in oro bianco e argento con ciondoli pop smaltati o bracciali da portare alti sul braccio, il classico modello “alla schiava” ora di grande tendenza.

Come avrete capito, quando si parla di Claudia Oddi, POP non sta per popolare ma è sinonimo d'élite, di arte e di alta oreficeria.

 

 

loading...
Thursday, 08 December 2016
Back to Top