La natura riprende i suoi spazi. Attualmente così appare il nostro pianeta fermo come un orologio rotto. Un mash up di immagini a flusso continuo che arriva da ogni angolo della terra fino nelle nostre case, davanti a uno schermo, l’unico occhio che è rimasto fuori dalla nostra casa. E allora prendendo il buono (almeno questo) del COVID-19 che avvolge tutti noi, l’artista e creativo russo Vadim Solovyov, rende ancora più straordinaria la forza della natura, immaginando animali giganteschi che conquistano spazi urbani solitamente riservati agli umani. Sono scene surreali ma che non spaventano, anzi; una quiete e delicatezza di questi giganti buoni, sproporzionati ma attenti, loro si, a non distruggere ciò che abbiamo costruito. Tutto si svolge a San Pietroburgo, città natale di Solovyov; un bradipo dietro ad un banco di un bar metaforicamente invita alla lentezza, a riprendere dei tempi ragionevoli in una vita che fino a pochi mesi fa sfuggiva via così rapidamente…un timido enorme procione si lava le zampe nel fiume, un pinguino fa capolino da un grattacielo durante una giornata nevosa. Sono immagini splendide; un gioco visivo apparentemente ironico che esprime invece significati profondi…..

All images ©Vadim Solovyov

More Info:

https://www.instagram.com/solovyewadim/

venerdì, 07 agosto 2020
Back to Top