Gira che ti rigira, navigando in rete mi sono nuovamente imbattuta in scarpe giganti, "cugini Itt" inquietanti e uova che invadono intere cucine. Dunque questo è un segno: vuol dire che è giunto il momento di parlare di Petros Chrisostomou e delle sue opere over-size dal forte impatto visivo. Petros Chrisostomou costruisce spazi ibridi combinando abilità di artista, scultore e curatore. Il suo lavoro, tanto scultoreo quanto fotografico, trae ispirazione dai concetti di iperrealtà. Le sue opere non solo prendono in prestito segni, simboli e simulacri della vita contemporanea, ma trascendono questi stessi concetti, offrendo al pubblico una visione post-moderna della realtà.



Per capire Petros e le sue strane istallazioni scopriamo chi c’è dietro l’artista. Come prodotto della globalizzazione, Petros è nato a Londra da genitori ciprioti; oggi vive a New York, ed esplora l'idea di habitat con la creazione di “SCENE” dalle proporzioni alterate.

Petros Chrisostomou combina oggetti a grandezza naturale con habitat in miniatura, stravolgendo completamente le proporzioni della realtà. Le sue opere mettono in scena relazioni architettoniche incongrue che trasformano luoghi comuni in universi surreali.

Ma perchè scegliere oggetti giganti? La scelta delle dimensioni fuori misura permette all'artista di denunciare in questo modo il valore commerciale, materiale e culturale che attribuiamo a certe cose. Insomma, le dimensioni oversize sono una metafora del valore che diamo alle cose. Prendiamo ad esempio le scarpe: Chrisostomou le ha immaginate così “Shoe Giant”, invitandoci a riflettere sui feticci moderni e sul valore che diamo all'estetica, alla bellezza, agli oggetti e alla moda in generale.

Più di recente il lavoro di Petros è passato dallo studio della società dei consumi alle comunità suburbane. Petros si è concentrato su materiali raccolti dai depositi di Brooklyn, come ad esempio le extension afro per capelli (vedi foto sotto) e come per il consumismo, questi oggetti raccontano una storia e sono una lucida osservazione sulle subculture che rappresentano.

 

loading...
Tuesday, 06 December 2016
Back to Top