Luzinterruptus è un collettivo artistico anonimo, nato a Madrid e formato da ragazzi con la passione per l'arte, la fotografia e la ribellione.
Lo spiccato senso critico nei confronti della parte marcia della società alimenta lo spirito sovversivo di questi guerrieri della notte che, con creatività, ridipingono il panorama urbano della capitale spagnola.
“La luce è la nostra materia prima e la notte è la nostra tela” afferma il collettivo, che agisce con rapidità mentre la città riposa: mentre tutti gli altri dormono e non pigliano pesci, i nostri eroi protestano in grande stile.
Sensibili al tema dell'inquinamento luminoso, del riciclaggio e dell'uso dello spazio pubblico in generale, dal 2008 stupiscono la scena con le loro azioni di guerrilla: art attack coinvolgenti e d'impatto creati per lanciare un messaggio forte anche al viandante più distratto.



Tratti distintivi della loro arte: la luce e la velocità.
Elemento protagonista nelle loro opere, la luce rappresenta una forte causa d'inquinamento ambientale per la città di Madrid e, sotto il profilo artistico, permette di creare un forte impatto visivo, giocando con gli spazi senza invaderli né deteriorarli.
E, veloci proprio come la luce, i Luzinterruptus creano opere estremamente effimere che non durano più di qualche ora.
Hanno affermato la propria fama con la green action: azione che li ha visti riempire la capitale di verde, per protestare contro la nuova legge spagnola che consentiva alle insegne farmaceutiche di aumentare la loro già preponderante luminosità.




Continuando poi sulla scia dell'arte sociale, il gruppo si è fatto notare invadendo le strade con bottigliette di plastica per manifestare il disappunto nei confronti del degrado del servizio pubblico, che non garantisce la fruizione della fonte primaria per eccellenza: l'acqua.
Restando in tema, è celebre il loro Labyrinth of Plastic Waste, un labirinto di oltre 20 metri, formato da più di 6000 bottigliette illuminate a Led, nato per sensibilizzare sul tema del riciclo.




L'ultima attività di guerrilla che vede impegnato il collettivo nasce da una matrice politica: facendosi portavoce di una buona fetta di popolo, i Luzinterruptus sono indignati dalla figura del Re, dai partiti conservatori e dal panorama politico spagnolo in generale.
Per questo il 14 Aprile, in occasione del giorno della Repubblica, il gruppo ha colpito Plaza Colon (Madrid), riempendo il suolo urbano con più di 200 piccoli paracadute illuminati.
La scelta del luogo è giustificata dal grande valore simbolico della Piazza che ospita una maestosa bandiera, simbolo carico di patriottismo.
“Las banderas no sostienen”, il nome della loro ultima guerrilla action che, come da manuale ha avuto vita breve: due ore di spettacolo luminoso immortalato dalla fotografa Lola Martinez.


loading...
Sunday, 11 December 2016
Back to Top