Fino al 10 gennaio 2012 alla Galleria Area B di Milano è in mostra Massimo Gurnari con una personale dal titolo Live fast get rich. Un occasione per conoscere e apprezzare l’opera di questo talentuoso giovane autore. Gurnari mescola una grande quantità di stili e riferimenti grafici: dalla Pop Art, alla Lowbrow, dal Pop Surrealism al Tatoo, ma non mancano i richiami all’arte classica e al barocco.

La pittura, il tatuaggio, il fumetto, la grafica, il cinema e la musica sono il mondo da cui Gurnari estrapola segni di riconoscimento e stereotipi per alimentare il suo immaginario, che nonostante la grande varietà di influenze e rielaborazioni acquista una sua dimensione molto peculiare, personale. Nella sua personale alla Galleria Area B l’artista espone stampe, pitture, sculture e installazioni, e perfino una serie di T-shirt dala titolo Live fast get popular.

Massimo Gurnari è nato a Milano 1981. Dopo aver frequentato e poi abbandonato le scuole d’arte ha proseguito la sua formazione nei collettivi di Street Art e negli studi di tatuaggio, partecipando a diversi movimenti e sviluppando così i suoi principali interessi: “Il tatuaggio classico – dice Gurnari – e l’iconografia dal 1950 al 70 circa a cui attingo, rendono le mie opere “popolari”, di un linguaggio semplice ed immediato. E il loro aspetto “caotico” e pieno di elementi fa sì che ognuno di noi possa instaurare un rapporto privilegiato di memoria condivisa con una o più parti dell’opera. Più che un pittore mi sento uno stilista…annuso gli umori della gente e li tramuto in opere per le future collezioni…”

Di Daniele per “Artsblog“

loading...
Tuesday, 06 December 2016
Back to Top