I chewingum, quei confetti dai mille colori e infiniti sapori, rappresentano uno dei rifiuti più diffusi al mondo insieme ai mozziconi delle sigarette. Le cause di questo degrado portano il nome di maleducazione e indifferenza: aggettivi attribuibili a quella parte di “homini sapiens” che pensano solo al presente, non curandosi del futuro del pianeta.
Va più o meno così: scarto la gomma, (all’occorrenza butto la carta a terra), mastico un po’ e quando il sapore si affievolisce getto il mio rifiuto per strada.
Fortunatamente c’è un’altra parte dell’umanità, quella civile, che lotta contro ogni forma di danneggiamento del globo, operandosi ogni giorno per sensibilizzare le masse sul tema, utilizzando i mezzi più disparati; ci sono artisti che riescono a trasformare scarti, spazzatura e materiali inquinanti in vere e proprie opere d’arte, risemantizzandone il significato originale.


Ben Wilson, ribattezzato a Londra con lo pseudonimo di chewinggum man, è una di quelle persone che fa bene al pianeta.
Noto già per le sue opere d’arte green oriented, l’artista inglese nato nel 1963, passa le giornate setacciando le strade di Londra alla ricerca di chewinggum da decorare. Armato del suo speciale kit di pittura, riproduce minuziose decorazioni su qualche centimetro di superficie gommosa: a volte si tratta di paesaggi particolari, altre di dediche espressamente richieste dai passanti della zona.
Racconta storie, narrazioni che rimangono incastrate tra l’asfalto di Muswell Hill o tra le griglie di Millenium Bridge, nell’attesa di suscitare un “wow” tra i passanti distratti e con la speranza di sensibilizzare sull’inquinamento urbano.




Abbiamo già trattato dei modi in cui una gomma da masticare possa diventare un concetto artistico, prima con Jamie Marraccini, gum artist e creatore del sito gumart.com, poi con The Market Theater Gum Wall, a Seattle. Ben Wilson sposa la stessa causa e lo fa tramite un’artisticità definita outsider, fuori dagli schemi ma dal grande impatto civico e comunicativo.




Tutte le foto © dell'artista.

Thursday, 17 August 2017
Back to Top