Dalle famose Double-faces di Sebastian Bieniek alle Under-faces.Uno degli ultimi lavori del celebre artista e performer berlinese si intitola "Underface" ed è una serie piuttosto recente, che stravolge il concetto di dualità del volto a cui siamo stati fin ora abituati con Bieniek. Nel 2013 Sebastian Bieniek ha iniziato il foto-serial "Doublefaced" ed è diventato uno dei "meme" più popolari su internet. È stato pubblicato da molte riviste ed è stato ampliamente ricondiviso sui social media.Tutto ebbe inizio quando l’artista realizzò un progetto fotografi[...]

Al liceo la mia professoressa mi mise una nota perché avevo osato infangare l’immagine di Giulio Cesare.Ebbene si, per un paio di orecchini, un po’ di rossetto e una capigliatura anni 70 disegnati sul volto dell’imperatore in un vecchio libro di latino, rischiai il 7 in condotta.Ora non oso immaginare come reagirebbe se vedesse i lavori di Eisen Bernard Bernardo!Eisen è un graphic designer filippino che ha avuto un’intuizione geniale: mescolare le icone del mondo pop, con le loro trasgressioni e i loro eccessi, all’universo etereo e bucolico dei grandi classici della pittura.L’ar[...]

Visto che il mondo non era già abbastanza ossessionato dalla vagina, l'artista Suzanna Scott ha pensato di rincarare la dose con una lunga serie di sculture da parete a forma di genitali femminili. "Un chiodo fisso per molti che ora si può anche appendere al muro". (Cit Marta)Per Suzanna Scott tanto è stato detto sul corpo umano e tanto c'è ancora da dire. Il nostro corpo ci ospita. Esso contiene la nostra vita interiore e i nostri pensieri e desideri. È l'oggetto visibile che proietta sul mondo l'immagine di noi.“Attraverso il mio lavoro esploro le forme dentro e fuori del co[...]

Marion Fayolle è un'illustratrice francese classe 1988. Benché giovanissima è già autrice di cinque libri: Les coquins del 2014, Les amours suspendues, L'homme en pièces, Nappe comme Neige e Le tableau.Il segreto del suo successo sta nel saper illustrare scene pornografiche con gusto e senza malizia. La formula vincente di Marion Fayolle è quella di aggiungere a disegni dai tratti semplici un pizzico di surrealismo. Metafore sessuali di pessimo gusto, doppi sensi e simboli fallici vengono illustrati con tanta ironia e un certo gradevole distacco.Quando si parla di sesso la cosa più di[...]

I nostri cinque sensi non sempre riescono ad interagire democraticamente, spesso solo alcuni vantano il privilegio di percepire in modo amplificato una parte di realtà.Si pensi al totalitarismo del gusto quando si assapora qualche prelibatezza, o alla supremazia dell’olfatto quando un buon odore ci fa riaffiorare dei ricordi. Beh, l’udito vince a mani basse con la musica: è il padrone del regno dei rumori, l’unico in grado di veicolare le emozioni provocate dalle famose sette note.La musica non si assapora, non si odora; al massimo la si può guardare live e si può suonare uno strumen[...]

Erano gli anni Settanta quando Mario Schifano realizzò le "Propagande", una serie di dipinti dedicati ai marchi pubblicitari, così come aveva fatto oltreoceano Andy Warhol.  Eravamo in presenza di chiari esempi di popular art, o Pop Art, ovvero della veicolazione di immagini di uso comune e facilmente riconoscibili citate in molteplici modi. Oggi vi presento un esempio di Pop Art da discount! Se prima gli artisti riproducevano brand forti come Coca Cola, Pepsy, Esso, Brillo Box oggi - forse causa crisi - sono diventati popolari i brand low cost! Ricardo Passaporte, pittore, artist[...]

I chewingum, quei confetti dai mille colori e infiniti sapori, rappresentano uno dei rifiuti più diffusi al mondo insieme ai mozziconi delle sigarette. Le cause di questo degrado portano il nome di maleducazione e indifferenza: aggettivi attribuibili a quella parte di “homini sapiens” che pensano solo al presente, non curandosi del futuro del pianeta.Va più o meno così: scarto la gomma, (all’occorrenza butto la carta a terra), mastico un po’ e quando il sapore si affievolisce getto il mio rifiuto per strada.Fortunatamente c’è un’altra parte dell’umanità, quella civile, che l[...]

Volete diventare collezionisti d’arte e godervi a casa la vista unica ed esclusiva di opere che hanno fatto la storia? Potete conquistare a suon di milioni di dollari un pezzo di Rothko, Roy Lichtenstein, Hirst, Andy Warhol oppure se sprovvisti di tali fortune dare un’occhiata alla collezione fake realizzata da CB Hoyo. Nell’epoca scandita dalle bufale e dal successo inteso come conquista dell’unique, questo giovane artista di origini cubane, ha voluto realizzare un percorso artistico dedicato all’imitazione delle più famose opere d’arte, intervenendo con messaggi semplici, iro[...]

Ci siamo imbattuti in un esperimento artistico del duo di designer austriaci Misher’Traxl che ci sembra l’occasione giusta per parlare di arte sonora.Il suono ha tante forme e funzioni. Gli oggetti sonori possono essere delle vere rivelazioni come vedremo a breve. Riescono a farci divertire e commuovere, rivelando suoni sconosciuti e riportando alla ribalta rumori dimenticati. A volte si tratta strumenti acustici complessi altre volte di semplici oggetti d’uso quotidiano, in certi casi è il nostro corpo che interagendo con gli oggetti che risveglia un udito distratto e assopito. L’art[...]

L'artista Sergio Garcia è conosciuto per le sue sculture di mani che escono dai muri. Garcia realizza mani occupate a fare diverse azioni, riproducendo in questo modo una parzialre dimensione di vita quotidiana. Sergio Garcia lavora al confine tra design e arte. Prende elementi e oggetti quotidiani e li trasforma in azioni. I suoi lavori si occupano di alienazione e vizi ma con finezza e occhio critico.Memorabile è l'opera che si compone di due realistici avambracci e mani che rollano una canna. Il titolo della scultura è I Don’t Mean To Be Blunt che può essere letto in due modi. La p[...]
Avanti
Sunday, 22 October 2017
Back to Top