Come sempre i The Simpsons ci stupiscono, regalandoci perle di saggezza su “costume e società”. Con graffiante ironia e grande capacità di sintesi, nella ventitreesima stagione la serie animata americana racconta un fenomeno, quello della street art, con un punto di vista tanto obiettivo quanto critico che vorremmo raccontare. Come prima cosa mi verrebbe da dire che se ne parlano I Simpson allora quella “cosa” esiste. Che si tratti di un tema di attualità, una moda o un personaggio famoso, se qualcosa o qualcuno subisce la critica severa de I Simpson allora è in “agenda”. Quin[...]

Una satira fatta di fiori, farfalle e tratti delicati, inizierei con queste parole per descrivere i lavori dell'illustratore Fabio Magnasciutti. Fabio è un vignettista particolare, che “parla” senza  provocazioni gratuite, dirette, esplicite  e senza “gli spiegoni”. La sua firma sono ironia e sarcasmo, le sue immagini sono poetiche e struggenti e le sue battute taglienti e lapidarie. Tutto questo rende il suo lavoro sensibilmente dolce. Fabio Magnasciutti ha collaborato con l’Unità e il Fatto Quotidiano e a quel tempo le sue vignette avevano un taglio più politico. Ora ch[...]

L'illustratrice giapponese Maori Sakai crea incantevoli gif animate che catturano momenti felici e romantici della vita di tutti i giorni. Sin da quando era bambina, Sakai si è sempre divertita a disegnare. Ha frequentato il liceo Artistico dove ha imparato le basi del disegno e dopo la laurea ha frequentato per tre anni una scuola di design a Tokyo dove ha studiato arte digitale. Il suo lavoro sembra quasi quello di un coach motivazionale e nelle sue gif compaiono spesso frasi semplici ma potenti come: “Take it easy” o “Happiness is on your side”. Queste parole ci ricordano che esse[...]

Tono provocatorio, oggetti della contemporaneità messi in discussione, maschere invisibili a riflettere differenti identità. Joana Vasconcelos, artista contemporanea portoghese, torna al Museo Serralves di Porto, località del Portogallo, con la mostra “I’ll be your mirror”, per presentare fino al 24 giugno opere come le scarpe "Marilyn" e un mastodontico anello di fidanzamento (“Solitario”) realizzato interamente su una struttura di coppe di cristallo e cerchioni. La Vasconcelos sostiene che ci siano molte identità e, tra queste, ci siano certamente molte prospe[...]

  Sylvie Fleury è un'artista svizzera contemporanea, gran parte del suo lavoro affronta le questioni del consumo di genere e le relazioni feticistiche che abbiamo con gli oggetti: scarpe, rossetti, carrelli della spesa, abbigliamento di lusso e riviste di moda sono i sui soggetti preferiti. I suoi calchi in bronzo di tacchi alti, i grandi neon, i manichini che utilizza per le istallazioni e i carrelli della spesa in bella mostra sono un modo per criticare la superficialità, il glamour e l'inutile sfarzo dei prodotti lusso.     I critici hanno etichettato il suo lavoro come  "p[...]

L'artista visiva Olivia Steele utilizza la luce al neon per caricare gli spazi di un significato ironico e spirituale. La sua arte dimostra che nulla è realmente come sembra e che “è lo spettatore e non la vita che l'arte riflette davvero”.    Dal 2013 ad oggi la Steele ha realizzato diverse opere che vanno da piccole  installazioni luminose a grandi interventi urbani.La sua idea di arte è chiara ed è racchiusa nel suo Art Statement, una dichiarazione poetica sull'arte e sulla vita che vorremmo in parte riproporvi: Il mio lavoro di artista è quello di trasformare i miei sogni in[...]

Rachele Moscatelli è un’artista nata a Cantù nel 1993 e adora dipingere donne. Le sue opere vedono come protagoniste prevalentemente donne provenienti dal mondo della moda.La rappresentazione della figura femminile viene indagata da un lato come icona di bellezza pubblicitaria e dall’altro come genitrice (come avviene nell’iconografia sacra), insomma, la donna da una parte è modella e dall'altra Madonna. Sembra che Rachele voglia unire apparenza e sostanza, contemporaneità e tradizione, voleri e valori, Moscatelli affronta con un linguaggio semplice e diretto l’aspetto estetic[...]

Per capire il significato e la bellezza di questi volti grotteschi, dalle grandi bocche e con gli occhi spaventosi bisogna innanzi tutto capire che non sono ritratti ma maschere.L'autore si chiama Yves Decamps e sebbene i suoi lavori siano tutti dipinti a mano, nella pratica lui non si definisce un pittore ma più un editor di foto. I lavori di Yves partono combinando tra loro immagini prese da Internet che l'artista ritocca e compone in modo da creare collage e fotomontaggi che in seguito cerca di convertire in quadri e volti espressivi. La loro stranezza, i denti storti, le bocche larghe, i [...]

Frank Moth è il nom de plume di un duo artistico anonimo basato ad Atene, in Grecia. I Frank Moth usano la tecnica del collage e la composizione digitale con palette di colori specifici e distintivi, in uno stile acclamato dalla critica e immediatamente riconoscibile. Le loro opere conquistano spesso la ribalta delle gallerie on line e dei social, tanto che il duo artistico è stato apprezzato e pubblicato da prestigiose testate come Huffington Post e Buzzfeed negli Stati Uniti, e da MTV Grecia. Insieme, la coppia creativa realizza collage atmosferici che combinano elementi provenienti da [...]

L'artista giapponese Kota Yamaji, realizza illustrazioni 3D che mostrano una infinità di colori brillanti e personaggi surreali in un mix di fantasia, degno del più strano videogame. Kota è un artista digitale, regista di video e designer. Ha studiato Graphic Design alla Tama Art University; i suo lavori mostrano una grande creatività e un'enorme influenza dalle luci al neon di Tokyo, dove risiede. Sin da bambino, è cresciuto scoprendo una vasta gamma di film, giochi, video di animazione, fumetti, libri; tuttavia, sono stati i fumetti giapponesi come One Piece e Naruto a preparare il suo [...]
Avanti
Monday, 24 June 2019
Back to Top