Dalla vecchia e indistruttibile Fiat 127 ad oggi, il campo automobilistico è totalmente cambiato.
Le auto non hanno più le candele, i sedili si possono riscaldare, gli standard di comfort e sicurezza sono sempre più elevati e tutto il sistema di pilotaggio è sempre più affidato alla tecnologia.

Il marchio automobilistico giapponese Toyota, invece, ha presentato all'ultima Milano Design Week un prototipo di macchina totalmente differente, originale nel design, nei materiali utilizzati e nel concept.

La Toyota Setsuna è realizzata in legno: la carrozzeria è composta da 86 pannelli uniti tra loro soltanto mediante un antico procedimento di incastro tipico della tradizione giapponese.
Niente viti, chiodi o bulloni, quindi: questa tecnica permette di mantenere la rigidità strutturale ed evita le guarnizioni metalliche, spesso soggette a usura.
Inoltre questa tecnica permette di poter smontare molto facilmente un pezzo che si sia magari rovinato ed abbia bisogno di essere riparato o sostituito.

L'utilizzo del legno come elemento principale nella costruzione fa parte del concept che si cela dietro questo gioiellino di design. La Setsuna è un'automobile nata per invecchiare insieme al suo proprietario: il legno, come le persone, ha delle caratteristiche che variano col passare del tempo. Il colore varia, la struttura si modifica magari a causa dell'usura, di una scheggiatura o di un graffio.
E' una macchina nata per portare sulla propria pelle i segni dell’età.
Ogni esperienza di guida lascerà un segno che inciderà sulla personalità dell'auto, rendendo ciascun esemplare unico, sempre diverso l'uno dall'altro.

Per avvalorare ancora di più il concept, è stato inserito nel quadro di guida un indicatore che tiene nota delle ore, dei giorni e gli anni trascorsi dal momento dell’acquisto.

La Setsuna nasce come city car e monta un motore elettrico.



loading...
Monday, 05 December 2016
Back to Top