In un periodo in cui la salute delle persone e dell’ambiente è seriamente messa a rischio dalle emissioni globali di carbonio, dalla crescente urbanizzazione e dalla deforestazione di certe aree, si pone la necessità di creare soluzioni sostenibili. Dove la natura non basta più deve intervenire l’uomo: ed ecco che è stato inventato il primo tessuto artificiale che respira! Questo straordinario progetto è frutto del lavoro di un brillante studente di origini italiane: Julian Melchiorri, un giovane laureato alla Royal College of Art di Londra che, in collaborazione con la Tufts University, ha realizzato la Silk Leaf.

Silk Leaf è la prima foglia artificiale creata con materiale biologico-artificiale converte l’acqua e la luce in ossigeno, copiando il processo di fotosintesi.


Grazie al suo interesse per i fenomeni naturali e alle recenti scoperte scientifiche in biologia e scienza dei materiali, Julian Melchiorri ha esplorato il potenziale della creazione di materiali fotosintetici che mirano a portare l’efficienza della natura nell’ambiente antropizzato. Ecco dunque la prima foglia biologica e sintetica in grado di immagazzinare acqua e anidride carbonica per produrre ossigeno. Silk Leaf contiene cloroplasti capaci di supportare la fotosintesi clorofilliana, processo indispensabile alla generazione della molecola atta alla respirazione. Il tessuto è dotato di veri e propri cloroplasti estratti da cellule vegetali ed inseriti in un materiale a base di proteine della seta.

Immaginate una carta da parati che respira o una lampada che mentre illumina l’ambiente assorbe CO2 e produce ossigeno. Forse non vedremo presto Silk Leaf nelle nostre case e forse non ci aiuterà a respirare meglio ma sicuramente la Nasa ci vede un futuro per sperimentare nuove tecniche di produzione di ossigeno in vista di spedizioni nello spazio a lunga durata. Melchiorri sostiene: “Una volta garantito l’accesso alla luce e all’acqua, le foglie producono ossigeno, ma sono più adatte a sopravvivere al di fuori del nostro pianeta.”

 

loading...
Saturday, 03 December 2016
Back to Top