Immaginate di attraversare un ponte e scoprire a metà percorso che siete su un ponte infinito!
Il collettivo Next Architects ha realizzato Lucky Knot, un ponte pedonale che nella forma ricorda il simbolo matematico di infinito: un otto rovesciato. La struttura, con185 metri di lunghezza, è caratterizzata da tre percorsi a diversi livelli che si snodano lungo nastri rossi in acciaio.



La forma sinuosa ricorda il nastro di Möbius, definito in matematica come una superficie non-orientabile, senza inizio e senza fine. Il ponte non è davvero infinito ma il concetto di infinito viene espresso attraverso l’architettura del Lucky Knot, una struttura incapace di indicare una direzione unica, che seduce in voli pindarici e ci costringe a passeggiare a 24 metri di altezza senza capire dove siamo.
Le differenti altezze offrono vedute diverse e trasversali, sia del fiume sottostane che del parco adiacente.
Il progetto nasce per la riqualificazione di un'area di 6,5 milioni di mq vicino al lago Meixi in Cina, data l'importanza simbolica dell'opera gli architetti si sono lasciati ispirare dall'antica simbologia cinese.



La figura sinuosa del Lucky Knot ricorda il dorso di un fiabesco dragone cinese, che nella complessa mitologia cinese rappresenta l’animale più nobile ed è messaggero di buone novelle. In queste forme sinuose possiamo vedere anche anche la figura del “nodo” che per credenza popolare è associata alla fortuna.
Nell’antica Cina i nodi erano una forma d’arte. Belli ed elaborati, intricati pur seguendo semplici regole, i nodi sono parte dei 5000 anni di storia della Cina, e servivano per registrare, annotare e ricordare ogni genere di evento importante.
Il famoso nodo cinese Pan-chang, che in realtà non è altro che una serie infinita di avvolgimenti, rappresenta il concetto Buddista della continuità e l'origine di tutte le cose.

Lucky Knot: una scenografia urbana che racchiude in un solo ponte le più antiche tradizioni cinesi.

 

loading...
Tuesday, 27 June 2017
Back to Top