Ci sono le candele normali e poi ci sono le candele che piangono! Le candele normali sono quelle che quando le accendi colano cera alla rinfusa, mentre le candele che piangono  sono quelle che colano cera al punto giusto.

Le Crying Candle sono le candele di The Jacks, un nuovo marchio coreano formato da due artisti che hanno pensato che le goccie di cera delle candele somigliassero in modo esorbitante a delle lacrime e su questo concept hanno realizzato delle candele in cui  la cera gocciola attraverso gli occhi dello stampo, simulando un pianto. Le Crying candle per ora sono disponibili solo in tre forme: teschi, cervi e coniglietti.
Il  team creativo di The Jacks è composto da un graphic designer, uno specializzato in 3D e uno scultore, e dopo essersi conosciuti  all'università hanno deciso di unire le forze per fondare la propria azienda di candele d'artista, unendo poesia e design.
Un cervello a forma di candela profumata che si inserisce su un teschio, oppure le orecchie di un coniglietto che inserite nello stampo completano l'animaletto ed infine le corna di un cervo che se accese fanno piangere l'animale.

La cosa belle di queste candele di design è che nulla va sprecato. A volte accendere delle candele  è un peccato perchè una volta accese queste perdono la forma, mentre con le Crying candle questo non succede: una volta usate le candele possono essere reciclate in piccoli contenitori o accessori d'arredo. Lo stampo infatti, su consiglio dei creatori,  può essere utilizzato come un piccolo porta vaso.

"Abbiamo pensato che fosse divertente rappresentare lo sciogliersi della cera come una lacrima che scorre dal cranio. Dopo tanti lavori e diversi studi artistici abbiamo creato la nostra prima serie di candele: The Jacks". Il corpo che regge la candela, che una volta finita si può riempire con delle piantine, è stato realizzato in ceramica, mentre le candele vengono realizzate in cinque colori diversi per ogni gusto, oltre a contenere diverse fragranze.”

 

 

 

loading...
Tuesday, 06 December 2016
Back to Top