Di solito il termine donna o uomo zerbino si riferisce a persone che nelle relazioni si pongono in una posizione di totale assoggettamento nei confronti dell’altro, che si tratti di un compagno, un amico o un genitore.In questo articolo si parla di donne zerbino ma ci si riferisce a un concetto molto meno bruto del precedente, se ne parla in senso lato, dal punto di visto artistico e creativo di Patty Carroll.La fotografa pone al centro delle sue opere la figura femminile inserita nel contesto all’interno del quale, purtroppo, parte della società ancora la iscrive: la casa.Con spirito cri[...]

Se siete alla ricerca di una borsa che sia davvero per tutte le occasione e per tutte le stagioni allora apprezzerete di certo la “semplicità” degli accessori di Giulia Romana: modelli classici, facili da abbinare, eleganti e funzionali. Pezzi quasi unici che prendono forma in un laboratorio di fiducia, che lavora questi oggetti come fossero gioielli, cucendo ancora a mano. Le borse di Giulia Romana Segneghi sono tutte realizzate con pelli 100% italiane e sono modelli quattro stagioni, perfetti sia per l'estate che per l'inverno. Cartelle da lavoro, maxi shopper, pochette e secchielli dal[...]

Durante le frenetiche giornate di studio o di lavoro spesso capita di porre in secondo piano i nostri bisogni naturali, primo tra i quali quello dell’alimentazione. Così, a volte, ci si ritrova a dover mangiare l’ennesimo trancio di pizza margherita alle 15 del pomeriggio, con lo stomaco che grida più forte di quel cliente che ti ha tenuto impegnato fino a quell’ora. Un po’ per uno spiccato senso del buon gusto, un po’ per attenzione verso un’alimentazione sana ed equilibrata, nel 2015 Alan ha iniziato ad elaborare una soluzione. Il giovane designer, con lo scopo di “creare pro[...]

Il cibo è diventato un argomento quasi ossessivo. Dal consumo alla comunicazione non dimenticando lo show business. E proprio su questa scia inarrestabile, abbiamo trovato un progetto fotografico originale e auto ironico. Si chiama MENU e nasce da una collaborazione eccellente tra Robbie Postma, capo chef della J. Walter Thompson di Amsterdam e il suo amico fotografo Robert Harrison. Il duo creativo-culinario presenta il progetto così: “Con questa serie vogliamo portare lo spettatore all'origine di un menu. Non servendo una buona pietanza su un piatto. Ma ingredienti crudi e non trasform[...]

Dagli Egizi ai giorni nostri la storia del gioiello affascina sempre più persone: perché l'umanità ha sentito il bisogno di adornarsi? L’uomo ha sempre cercato, fin dai tempi più remoti, di agghindarsi con oggetti la cui rarità o la difficile reperibilità conferivano personalità, importanza e prestigio. Una magia che continua e tuttavia si rinnova nel tempo pur utilizzando ori, argento, pietre e perle esattamente come si faceva un tempo. Questo preambolo è dovuto, se si parla di Made in Lidia, il brand di Ludovica Nistri Ranelletti. Collane, bracciali, anelli e orecchini eccentrici e[...]

Tommy Perez è uno scarabocchiatore di professione, o almeno così si definisce. “Designer, doodler & frequent paper krafter. Making fun stuff”.Tommy realizza composizioni artigianali 3D con carta e diversi oggetti di scena. Il portfolio di Perez si compone di complicati tagli e assemblaggi di carta volti a ricreare oggetti e lettere tridimensionali.I suoi strumenti di lavoro sono principalmente materiali inusuali come forbici, biscotti, cartone, colla e nastro adesivo, il tutto riunito in composizioni vibranti e creazioni colorate. Nel suo ultimo lavoro dal titolo Snacks Quarte[...]

L'artista Doug Wheeler ha installato un “deserto silente” dentro il Guggenheim di NewYork .Il lavoro consiste in una gigantesca distesa di piramidi realizzate in materiale fonoassorbente. L'idea è quella di riprodurre uno spazio capace di ridurre al minimo il rumore e indurre un'impressione sensata di spazio infinito, esattamente come un deserto.Doug Wheeler ha difatti trasformato una stanza  del museo nel “regno del silenzio”. Un "deserto" è  per definizione  un'area della superficie terrestre, quasi o del tutto disabitata, è un luogo solitario impervio e arido ma sop[...]

Le abitudini cambiano così come le mode e la scala dei bisogni di ogni individuo si adegua al tempo che vive. Il famoso “tetto sopra la testa”, rientra tra i bisogni primari; un rifugio personale ed intimo dove ripararsi dall’ambiente esterno. I grandi cambiamenti sociali ed economici che stiamo vivendo, hanno influenzato il mercato immobiliare e la necessità di case di grandi metrature. Il fenomeno nasce dall’espansione del concetto di Città Metropolitana, grandi centri urbani abitati da milioni di abitanti. Pochi metri quadrati possono bastare per vivere? Gli architetti lavorano c[...]

“È più preziosa, per il genere umano, la scoperta di una nuova pietanza piuttosto che la scoperta di una nuova stella” affermava Anthelme Brillat-Savarin, politico e gastronomo francese noto, tra le altre cose, per i dolci aforismi che negli anni dedicò al cibo. Il verbo mangiare, nel tempo, si è caricato di molteplici valori e significati: da un’accezione prettamente funzionale che è quella della nutrizione alimentare, è diventato, per molti, un rito che si colloca sempre di più sul piano estetico e sociale, diventando forma d’arte e status symbol.Fonte d’ispirazione per pitt[...]

Nasce a Los Angeles il museo del gelato: Museum of ice cream. Nonostante il nome bizzarro, questo posto è un museo a tutto gli effetti ma non è il solito museo, quindi non aspettatevi di trovare qui la "solita" retrospettiva su come sia nato il gelato o su come si prepara. Il gelato è solo un simbolo che ricorda i bei momenti, la felicità dei bambini, le uscite nel weekend, e l'arrivo della “bella stagione”, insomma è un significato traslato di “happyness”. Il museo del gelato è un'esposizione che serve a mettere allegria, stimolare l'immaginazione e unire le persone. [...]
Avanti
Saturday, 27 May 2017
Back to Top